Quanto costa fare la voltura della luce?

TraliPer quel che riguarda i costi della voltura dei contratti di luce c’è differenza tra il regime a maggior tutela ed il libero mercato, ma in ogni caso si aggirano su una sessantina di euro al massimo, come ora vedremo ben in dettaglio.

Per la voltura, i clienti che hanno un contratto sul mercato vincolato – cioè di maggior tutela, come ad esempio, molti vecchi clienti Enel – devono pagare: un contributo fisso di 27,59 € per oneri amministrativi; un contributo fisso di 23 €; l’imposta di bollo (14,62 €) sul nuovo contratto come previsto dalla normativa fiscale.

I clienti che hanno scelto il mercato libero, invece, devono pagare: un contributo fisso di 27,59 € per oneri amministrativi, più un addebito dei costi per la prestazione commerciale come indicato nei singoli contratti (anche in questo caso si potrebbe dover pagare l’imposta di bollo di 14,62 €).

In entrambi i casi l’esercente può inoltre richiedere, al momento della conclusione del contratto, un deposito cauzionale oppure altra garanzia e, solo nel secondo caso, l’eventuale pagamento dell’imposta di bollo (14,62 €).

Ricordiamo che la voltura è il passaggio del contratto di fornitura da un cliente a un altro senza interruzione dell’erogazione di energia elettrica o di gas. Per richiederla, occorre presentare un’apposita richiesta, secondo le modalità previste, al proprio fornitore di elettricità, che provvederà ad informare il distributore.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *