Quali apparecchi consumano di più in stand-by?

Secondo alcune sta2stime, il consumo medio degli apparecchi in standby risulta di circa 305 kWh/anno per abitazione, l’equivalente dell’11% del consumo di elettricità di una casa.

Oltre il 30% degli apparecchi non rispetta le norme europee sullo standby. Il più diffuso decoder satellitare HD, ad es., consuma in stand-by 175 kWh l’anno, pari a una spesa annua di 43 €! Nei decoder, in pratica, il consumo in modalità acceso non varia molto rispetto al consumo in modalità stand-by.

Anche le console per i giochi consumano in standby quasi quanto in funzionamento: per tale motivo lasciarle sempre accese può comportare una spesa fino a 400 € l’anno! Addirittura di più che lasciare acceso tutto il giorno un computer, che può arrivare a costare 130 € l’anno, più 45 € se non si tiene spento il monitor quando non lo si usa.

Gli stereo hi-fi di qualche anno fa ed i videoregistratori consumano fino a a 100 kWh/anno, pari a circa 25 € l’anno. Pure le macchine da caffé espresso hanno enormi consumi in standby: fino a 60 kWh, o 15 €, l’anno. Altri apparecchi che consumano molto in standby sono stampanti laser, fotocopiatrici, router e televisori (soprattutto quelli al plasma).

Per questo motivo, dal 2013 gli apparecchi commercializzati nell’Unione Europea devono essere dotati di un sistema di gestione dell’energia in grado di spegnerli o mandarli in standby il più in fretta possibile.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *