Quale è il bollo per le auto elettriche?

MIT's CityCar aims to hack this system with a whole new approach. ÒThe CityCar doesn't aim to replace the automobile or the subway,Ó says Media Lab researcher Ryan Chin, who's worked on the project since its inception in 2002, Òso much as to fill a niche somewhere between private vehicles and public transportation.Ó The system works a little like a luggage cart at the airport. ÒStacksÓ of CityCars would be stationed at subway and train stops, as well as at shopping and cultural destinations around a city. While parked, the two-seaters top up their batteries to give them plenty of juice to handle round-trips of 50 miles or more. To check out a CityCar, a traveler would swipe a preauthorized smart card and roll away. When finished, cars could be returned to any stack anywhere in the city, and users would be billed based on some combination of the duration and distance of the trip. Pricing is still hypothetical, but, based on surveys, would aim for a price-point sweet spot somewhere above the cost of mass transit but less than a taxi journey of similar distance.

In tutte le regioni d’Italia le auto elettriche e, più in generale, i veicoli elettrici, sono esenti dal pagamento del bollo automobilistico per i primi 5 anni a partire dalla prima immatricolazione (e dal controllo periodico dei gas di scarico, essendo tali veicoli completamente privi di emissioni inquinanti).

Dopodiché, allo scadere dei cinque anni di esenzione totale si verificano, a seconda della regione in cui si risulta residenti, tre diversi casi:

(1) l’esenzione totale sul pagamento del bollo viene mantenuta (è il caso, ad es., di Lombardia e Piemonte);

(2) si ha una forte riduzione della tassa (pari al 75%, per cui in pratica si paga solo 1/4 dell’importo pieno teoricamente dovuto), e questa è la soluzione diffusa in quasi tutte le regioni (ad es. Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Umbria, Campania, Marche), ed è giustificata dal fatto che si tratta dello stesso sconto alla tassa automobilistica già praticato per le auto con alimentazione a gas;

(3) si paga il bollo normalmente, ovvero a tariffa piena (è il caso, ad es., di Basilicata, Puglia, Toscana).



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *