Come pagare una bolletta con la domiciliazione bancaria Sepa

sloyLe proprie bollette possono essere pagate in modo automatico e diretto dalla propria banca usando il conto corrente aperta già aperto presso di essa. Imprese e consumatori, quindi, possono domiciliare sul conto corrente pagamenti in euro a favore di qualsiasi beneficiario situato nell’Unione europea.

In pratica, il cliente si deve recare in banca e autorizzare i pagamenti ricorrenti, fra i quali rientrano la domiciliazione delle utenze. Vi faranno compilare un modulo e inseriranno i codici necessari, che sono riportati in bolletta, e sono: un codice azienda, un codice identificativo del cliente e in codice tecnico. Pertanto, in banca dovete portare la bolletta con tali dati.

In passato veniva a questo punto attivato il RID, ora sostituito dal SEPA. La parola RID sta per Rimessa Interbancaria Diretta: infatti, si tratta di un servizio di incasso di un credito sulla base della disposizione che un creditore dà alla sua banca di accettare l’addebito di un corrispettivo debitore.

Il SEPA Direct Debit (SDD) è un nuovo strumento di incasso utilizzabile all’interno dei paesi europei per i pagamenti di natura ricorrente, come ad esempio tutte le utenze (bollette di telefono, luce, gas). Dal 1 febbraio 2014 sostituisce il RID come modalità di “addebito diretto preautorizzato”.

Il SEPA viene attivato esclusivamente dal cliente (nel RID l’autorizzazione all’addebito può essere consegnata dal debitore in banca), che a seguito del mandato ricevuto dal cliente (sia impresa che consumatore) ne dispone l’incasso attraverso la propria banca, senza ottenere l’autorizzazione preliminare della banca del debitore.

Se il cliente si accorge che l’importo non è corretto oppure che non è stato autorizzato, può rifiutare l’addebito richiedendone il blocco alla banca prima della data prevista per il pagamento. Il cliente, inoltre, può richiedere alla banca di limitare l’addebito ad un determinato importo o ad una determinata periodicità, o bloccare ogni addebito da uno o più beneficiari.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *