Le tariffe biorarie convengono davvero?

energy6_2549119cLe tariffe biorarie standard, ovvero quelle applicate in automatico ai clienti legati al mercato vincolato a maggior tutela, risultano essere vantaggiose, rispetto alle vecchie tariffe monorarie, se si riesce a concentrare più del 67% – cioè circa 2/3 – dei consumi nelle più convenienti ore notturne, nel weekend, nei festivi; se, viceversa, i consumi sono concentrati per più del 33% nella fascia F1, in cui l’elettricità è più costosa, la bioraria standard risulta più cara.

In pratica, le tariffe biorarie standard rappresentano un cambiamento favorevole solo per chi è fuori casa tutto il giorno e sbriga le faccende domestiche la sera e nel weekend. Chi invece utilizza la corrente elettrica soprattutto di giorno è costretto a cambiare le proprie abitudini oppure paga di più rispetto a quando c’era un’unica tariffa monoraria.

Chi vuole ottenere un reale risparmio – o comunque non pagare di più – rispetto alla vecchia tariffazione, dunque, dovrebbe concentrare i propri consumi il più possibile nelle ore notturne e nel week-end. Di fatto, chi sceglie di attivare lavatrice e lavastoviglie di notte (dalle 19 alle 8 del mattino) o nei festivi paga fino al 30% in meno la stessa energia.

Ricordiamo che le tariffe biorarie “standard” definiscono le ore di punta, cioè a costo più alto dell’elettricità, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 (periodo è indicato nella bolletta come fascia oraria “F1”); e definiscono le ore fuori punta, cioè a costo più basso, dalle 19 alle 8 durante la settimana, sabato, domenica e i giorni festivi (periodi indicati nella bolletta come fasce orarie “F2 e F3”).

Nel caso del mercato libero, occorre vedere cosa è previsto nel proprio contratto di fornitura, poiché a quel mercato si applicano in generale offerte e tariffe diverse da quelle biorarie standard del mercato vincolato. Valgono comunque, a livello qualitativo, ragionamenti analoghi a quelli fatti fin qui: si risparmia se si scelgono e utilizzano in modo “intelligente” le fasce orarie, adeguando le proprie abitudini di consumo quando necessario.



One comment

  1. Salve,
    piu che lasciare un risposta vorrei pore una domanda.
    Sono Italiano residente all estero da poco acquistato una casa vacanza in Itaia una casa in Italia,quidi non essendo residenti non possiamo usufruire della offerte speciali ma siamo penalizzati dovendo pagare le tariffe piu alte(perche consumiamo poco)?
    Non abbiamo ancora effetttuato la voltura perche siamo confusi ,Avete qualche consiglio?
    Grazie

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *