La Tari si paga anche per le case vuote?

Stylish modern apartment block with softwood cladding detailing

Sì, purtroppo la Tari, o tassa sui rifiuti, va pagata anche per gli appartamenti o case vuote o inutilizzate per qualsiasi ragione. Il cambio di residenza del contribuente, la denuncia di cessazione dell’occupazione dell’immobile e il mancato consumo di energia elettrica non esonerano dal pagamento della tassa rifiuti.

Anche il mancato arredo non costituisce prova dell’inutilizzabilità dell’immobile e della inettitudine alla produzione di rifiuti. Un alloggio che il proprietario lasci inabitato e non arredato si rivela inutilizzato, ma non oggettivamente inutilizzabile.

Infatti, per legge la Tari è dovuta se l’immobile è suscettibile di produrre rifiuti. Quindi, sono soggetti gli immobili non utilizzati, anche se non allacciati alle reti idriche, elettriche o se privi di mobili.

Perciò l’applicazione del tributo è ricondotta alla mera idoneità dei locali e delle aree a produrre rifiuti, prescindendo dall’effettiva produzione degli stessi.

La Tari si paga anche se non viene utilizzato il servizio di smaltimento svolto dall’amministrazione comunale. La tassa è invece dovuta in misura ridotta in caso di mancato o irregolare svolgimento del servizio e di mancata raccolta dei rifiuti.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *