Entro quanto tempo si può fare ricorso per una contravvenzione?

aepoI residenti in Italia hanno 30 giorni per presentare il ricorso al Giudice di Pace, mentre i residenti all’estero ne hanno 60. I termini per presentare ricorso al Prefetto, invece, sono più lunghi: 60 giorni sia per i residenti in Italia, sia per i residenti all’estero.

Per il ricorso, se il verbale è stato consegnato su strada, i termini decorrono dal giorno successivo alla data dell’infrazione, mentre se il verbale è stato spedito per posta, i termini decorrono dal giorno successivo alla data in cui il verbale si considera notificato.

Ricordiamo che per il ricorso ci si può rivolgere al Prefetto oppure al Giudice di Pace, ma non si può fare ricorso ad entrambi. Inoltre, non bisogna pagare la multa se si intende ricorrere. Il ricorso possono farlo sia il proprietario che il trasgressore, in carta libera.

Al massimo ci vogliono sette mesi per le varie pratiche burocratiche, termine entro cui il Prefetto decide se respingere o accettare il ricorso: tuttavia sappiate che se venisse rifiutato, allora si pagherà circa il doppio dell’importo della multa, con in più le spese e la notifica.

Pertanto andrà valutata la convenienza economica del ricorso per cifre minime o su basi non solide, visto il rischio di dover pagare il Giudice di Pace o un legale più di quanto sarebbe costato pagare la multa, oppure di pagare molto di più se il ricorso non viene accolto.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *