Dopo quanti anni vanno in prescrizione le bollette?

DataPer la legge italiana i creditori, cioè i soggetti legittimati a pretendere un pagamento, sono tenuti ad esercitare lo stesso entro un termine di tempo che è fissato dalla legge caso per caso. Trascorso tale termine, il nostro debito si estingue automaticamente per la prescrizione, ed a quel punto nessuno potrà più pretenderne in alcun modo il pagamento.

La prescrizione, per le bollette non pagate relative ad utenze domestiche – luce, acqua, gas e telefono, adsl, etc. – è di 5 anni (come dichiarato dall’articolo 2948 numero 4 del codice civile). Perciò, per poter essere tranquilli, è necessario conservare per almeno tale periodo i documenti che dimostrino gli eventuali pagamenti effettuati relativamente a tali utenze, dopodiché si è tutelati dalla prescrizione stessa.

Ciò vale, per legge, anche se le fatture delle utenze sono state saldate con domiciliazione bancaria da cui appare che i precedenti pagamenti sono stati effettuati regolarmente: in questo caso è importante conservare anche gli estratti conto della banca dove viene attestato ogni volta il pagamento. Il termine aumenta se vi sono contestazioni in corso.

Si noti che la prescrizione non può essere rilevata d’ufficio da un giudice. Pertanto, è necessario attivarsi per contestare il decorso dei termini – personalmente o attraverso un avvocato – senza aspettare che sia il giudice a rilevare il fatto. Naturalmente, va ricordato che il pagamento di quanto richiesto dal creditore preclude la possibilità di opporre in sede legale l’avvenuta prescrizione.

Per altri pagamenti, quindi, i tempi di prescrizione sono diversi. Ad esempio, per il bollo auto il termine è di 3 anni dalla data di scadenza, anche se l’autovettura è stata venduta, ma una sentenza della Corte di Cassazione ha prorogato il termine di 4 mesi, per questo è meglio conservare il documento per 4 anni; per l’abbonamento TV il termine di legge sarebbe di 5 anni, ma una sentenza del tribunale di Torino lo ha esteso a 10 anni. E così via…



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *