Cosa fare in caso di doppie bollette elettriche

t6Se riceviamo bollette della luce per gli stessi consumi sia dalla vecchia che dalla nuova azienda di vendita di energia elettrica bisogna innanzitutto controllare se il vecchio fornitore ci ha inviato la cosiddetta “bolletta di ultimo consumo”, ovvero con tale dicitura posta sotto i consumi fatturati.

Nel caso in cui non l’avessimo ricevuta, dobbiamo richiederne l’emissione tramite raccomandata A/R, ma anticipando la richiesta tramite il servizio clienti dell’Azienda e anticipando il contenuto della lettera via fax o via e-mail, onde evitare di perdere tempo e che la richiesta si perda nel nulla.

Se invece troviamo la bolletta di ultimo consumo, vi sarà indicata l’ultima lettura del contatore espressa in kWh e quindi, confrontando tale dato con la nuova bolletta, possiamo verificare se effettivamente abbiamo pagato due volte per gli stessi consumi di corrente elettrica.

Se il nostro sospetto di doppia fatturazione viene confermato, occorre inviare a entrambi i fornitori, sempre tramite raccomandata A/R, una cosiddetta “Verifica del trasporto in seguito a doppia fatturazione” (da farsi presso il distributore), illustrando il problema e allegando tutte le bollette incriminate.

Inoltre, contestualmente occorre richiedere il blocco dei pagamenti delle fatture nel frattempo emesse, come pure i solleciti e il computo degli interessi di mora. Se il venditore non vi fornisce una risposta entro 20 giorni, sappiate che avrete diritto a degli indennizzi automatici.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *