Come e quando posso richiedere la conciliazione per le bollette di Eni

en8La possibilità di usufruire della procedura di “Conciliazione paritetica” per la risoluzione di controversie riguarda i soli clienti Eni del segmento domestico con contratti di fornitura gas ed elettricità con consumi inferiori a 200.000 mc/anno per il gas e per il mercato elettrico con forniture a bassa tensione.

L’avvio della procedura volontaria per la Conciliazione paritetica è subordinato alla necessaria fase di reclamo scritto e/o richiesta di rettifica scritta, avviati tramite fax con numero verde o posta ordinaria o web, in linea con quanto stabilito dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

In assenza di un reclamo o di una richiesta di rettifica le domande di conciliazione saranno indirizzate all’ufficio preposto ai reclami di Eni Gas & Power e seguiranno l’iter previsto dall’Autorità per l’Energia elettrica e il gas per i reclami.

Per avviare la procedura di conciliazione è infatti necessario che il cliente abbia in precedenza inoltrato un reclamo scritto all’Azienda al quale quest’ultimo, entro 30 giorni lavorativi dalla sua presentazione, non abbia dato risposta o questa sia motivatamente ritenuta insoddisfacente dal cliente.

All’Ufficio di Conciliazione, istituito presso Eni Gas & Power, con sede in Roma, devono essere inviate, tramite apposito modulo ed esclusivamente per via web, per mezzo della piattaforma disponibile sul sito www.eni.com le richieste di conciliazione effettuate dalle Associazioni dei Consumatori, per conto del Cliente o gratuitamente direttamente dal Cliente.

L’Ufficio di Conciliazione acquisisce le richieste anche nei casi di domande ricevute con errori formali, segnalando la tipologia di errore riscontrato, per consentire l’eventuale acquisizione corretta entro un termine di 10 giorni solari, ammettendo temporaneamente la richiesta e sospendendo per tale periodo le iniziative di autotutela.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *