Come disdire l’abbonamento a Sky con recesso anticipato

disds2Per il recesso dall’abbonamento con Sky in teoria dovremo attendere che questo giunga a naturale scadenza considerando che si rinnova automaticamente di anno in anno. Si può però usare una norma inserita nel Decreto Bersani n° 7 del 31/01/2007, poi convertito nella Legge n°40 del 02/04/2007.

Il servizio pay-tv Sky rientra infatti nei servizi disciplinati dal decreto Bersani che consente a tutte le utenze di disdire il servizio senza dover pagare le penali di recesso anticipato, in precedenza attuate dagli operatori, fatta eccezione che per il rimborso delle eventuali spese di disattivazione.

Quindi si può recedere dal contratto di Sky anche non a scadenza di contratto con un preavviso di un mese. Sky ha una pagina dedicata per chi voglia disdire l’abbonamento, ma vi consigliamo di non fare disdette online, dato che quella fatta tramite il sito non ha valore legale.

La disdetta, infatti, deve essere sempre inviata in forma scritta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Sky indicato nel contratto di servizio firmato al momento dell’attivazione o successive comunicazioni. Occorre citare la volontà di “recesso anticipato” ai sensi del decreto Bersani di cui sopra.

Alla raccomandata va allegata una fotocopia di un documento di identità e una del contratto in essere. Il modulo di disdetta firmato dovrà essere inviato per raccomandata A.R., insieme a questi altri due documenti, a: SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO.

La smart-card va restituita entro 2 mesi dalla disattivazione del segnale a uno Sky center autorizzato. Eventuali apparecchi in comodato d’uso vanno riconsegnati secondo le modalità previste dal contratto e che potete chiedere al call-center. In caso di riconsegna ad un centro Sky è necessario farsi rilasciare una ricevuta di consegna.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *