Come avere il rimborso per tariffe Enel non residenti

alnjLa prima cosa da fare, per ottenere il rimborso delle tariffe Enel non residenti pagate al posto di quelle dovute per residenti, è recarsi nel proprio Comune farsi fare un certificato storico di residenza, in modo da poter dimostrare da quando siete residenti in quel Comune.

Dopodiché ne fate una copia e lo inviate, insieme alle bollette, per raccomandata A/R all’Enel chiedendo contestualmente con un’apposita lettera il passaggio alla tariffa corretta, quella per residenti, ed il rimborso per la tariffa non residenti pagata al posto di quella per residenti.

Eseguiti i passaggi dell’iter, Enel provvederà a rimborsarvi i soldi tramite fattura. Se dopo qualche mese non si è ricevuto nulla, occorre farsi valere inviando per raccomandata A/R una lettera di messa in mora, magari inviandola in copia all’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG).

Nella lettera dovrete minacciare di adire a vie legali se non provvedono al rimborso entro una certa data. Se la lettera non ha esito, potete tentare una conciliazione tramite il Giudice di Pace o un’associazione di consumatori, lasciando la causa tramite Giudice di Pace come ultima spiaggia.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *