Cambio intestatario bollette per decesso intestatario: il costo

Il cambBonusio di intestatario della bolletta della luce a causa del decesso dell’intestatario, se il contratto non è stato chiuso, si chiama voltura. Ad esempio, si può fare la voltura a favore di un familiare o di un erede, etc.

I costi del cambi intestatario variano a seconda che si abbia un contratto sul mercato vincolato, o a maggior tutela, oppure sul mercato libero. Ecco, in pratica, quali sono secondo l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

Chi ha un contratto sul mercato a maggior tutela deve pagare: un contributo fisso di 27,59 € per oneri amministrativi; un contributo fisso di 23 €; l’imposta di bollo (16,00 €) sul nuovo contratto come previsto dalla normativa fiscale.

L’esercente può inoltre richiedere al cliente, al momento della conclusione del contratto, un deposito cauzionale o altra garanzia.

I clienti che hanno scelto il mercato libero, invece, devono pagare: un contributo fisso di 27,59 € per oneri amministrativi; un addebito dei costi per la prestazione commerciale come indicato nei singoli contratti.

L’esercente può comunque richiedere al cliente, al momento della conclusione del contratto, un deposito cauzionale o altra garanzia e, nei casi previsti dalla normativa fiscale, il pagamento dell’imposta di bollo (16,00 €).



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *