Bollo per le bifuel benzina-gpl o benzina-metano

pbitLe auto bifuel benzina-gas, in generale, non godono né dell’esenzione né della riduzione del bollo, tuttavia godono di agevolazioni molto interessanti in alcune regioni d’Italia:

(1) in Piemonte, sono totalmente e permanentemente esenti dal bollo gli autoveicoli omologati bifuel benzina/gpl o benzina/metano;

(2) in Liguria, che prevede l’esenzione delle prime 5 annualità del bollo auto per i veicoli nuovi a doppia alimentazione benzina/gpl o benzina/metano immatricolati dopo il 29/4/2008;

(3) in Molise, che prevede l’esenzione biennale dal bollo per i veicoli nuovi già a doppia alimentazione benzina/gpl o benzina/metano o per quelli che fanno montare in post-vendita un impianto a gpl o a metano sulla propria vettura a benzina;

(4) nella provincia di Bolzano, dove, per tutti i veicoli trasformati a gas a partire dal 6/8/2003, vi è l’esenzione dalla tassa automobilistica per i primi tre anni;

(5) Puglia: i veicoli dotati fin dall’origine di alimentazione doppia a benzina/GPL o a benzina/metano, immatricolati dal 1° gennaio 2013, godono dell’esenzione temporanea per il primo periodo fisso di cui al DM 462/1998 e per le cinque annualità successive;

(6) Molise: esenzione biennale dal pagamento della tassa automobilistica per i veicoli nuovi già a doppia alimentazione benzina/gpl o benzina/metano oppure fanno montare e collaudare in “post-vendita” un impianto a gpl o metano sulla propria vettura a benzina.

Decorso il periodo di esenzione, per i veicoli con alimentazione doppia, la tassa automobilistica deve essere corrisposta per intero.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *