Bollette luce mai arrivate: cosa fare

z56Può capitare, soprattutto quando si cambia fornitore di energia elettrica o si apre un nuovo contratto, che non si ricevano le bollette luce dal venditore, magari per mesi e mesi, se non addirittura di più. Come bisogna comportarsi in questi casi anche per evitare dei futuri salassi?

È vero che il gestore ha 5 anni di tempo per chiedere il pagamento delle bollette elettriche, tuttavia per il mercato a maggior tutela è previsto l’invio bimestrale ed anche sul mercato libero è prevista una certa frequenza di invio, indicata nel contratto che avete sottoscritto e ricevuto in copia dal vostro fornitore.

Pertanto, se avete riscontrato un disservizio di mancata fatturazione, potete effettuare una comunicazione di autolettura del contatore e, soprattutto, richiedere al vostro fornitore, tramite raccomandata A/R, di ripristinare entro una certa data il normale ciclo di fatturazione previsto dal contratto.

In ogni caso, sappiate che se la vostra Azienda (Enel, Sorgenia, Acea, Eni, Edison, A2A, Hera, etc.) ha “dimenticato” di inviarvi le bollette, è tenuta a rateizzarvi il totale, per cui se ricevete ad es. una fattura di 1.000 euro, avete tutto il diritto a chiederne la rateizzazione.

Inoltre, le rate stesse non potranno avere periodicità diversa da quella delle usuali bollette e le stesse rate non possono in nessun caso essere cumulate. Quindi, se per N volte non vi è arrivata la bolletta della luce, non preoccupatevi eccessivamente, poiché potete farvela rateizzare in N bollette.



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *