Bolletta 2.0: come avere i costi dettagliati di luce e gas

La np75uova “bolletta 2.0” per luce e gas contiene una sintesi chiara e snella delle principali voci di spesa che può essere utile per il pensionato o per chi non ci capisce molto di queste cose, ma è di sicuro una grossa delusione per i più esperti, che non vi troveranno più tutte le voci dettagliate.

Queste voci – come i costi dettagliati della componente energia – sono infatti indispensabili per poter confrontare le bollette di diversi fornitori. Le bollette di operatori in regime a maggior tutela non le riportano, mentre quelle di operatori sul mercato libero possono riportare informazioni aggiuntive oltre quelle minime previste dalla Bolletta 2.0, tuttavia non hanno nessun obbligo in tal senso.

Insomma, alla fine probabilmente l’utente medio – che non sarà un esperto ma non è nemmeno uno stupido – è stato privato di un comodo strumento per tentare di valutare l’incidenza delle singole voci sui costi totali fatturati in bolletta. In altre parole, è un passo indietro, quando sarebbe bastato semplicemente obbligare ad aggiungere un foglio in più con i dettagli di costo riportati nelle vecchie bollette.

Ora, chi vorrà conoscere i dettagli di spesa dovrà rivolgersi al proprio fornitore, oppure accedervi tramite il portale web dello stesso, ovviamente passando per la propria area cliente personalizzata. Un ottimo favore ai fornitori, dato che la maggior parte delle persone ha ben poco tempo per farlo.

Appare in questo senso abbastanza comica la dichiarazione dell’Agcom, secondo cui con questa bolletta non ci saranno più sorprese. Sarebbe interessante che l’Agcom spiegasse come farà l’utente a confrontare le sue bollette con quelle di un altro operatore (magari prestategli da un amico) al fine di evitare le sorprese, non essendo più indicato il costo dettagliato dell’energia. Dovrà chiedere all’amico la password?



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *